Tag

, , , , , , , ,

[sottotitolo: galeotto fu il libro e chi lo scrisse.]

fanciulle, se regalate un libro a natale o:
- non sapete cos’altro regalare o
- avete un amico che legge molto e quindi vi pare una buona idea.

se l’amico legge molto, il vostro è un atto di coraggio. brave. a me nessuno regala mai libri, e se lo fanno mi chiedono il titolo e sono salvi. loro e anch’io. perché ho una parte della libreria destinata ai libri regalati alla cazzo (quelli che hanno chiuso ménage e hanno fatto crollare ogni preesistente e garantita libido.)

se l’amico legge molto evitate le ultime uscite e quelli che hanno venduto UN MILIONE DI COPIE (in stampatello) perché o l’ha già letto o li schifa. e si vede che avete preso quello più a portata di mano davanti alle casse di feltrinelli.
il libro che regalate dice molto di voi. fatevi dire bene. confezione elegante, carta da pacco -quella marroncina-, nastri di raso rosso o verde scuro, largo, non stretto. un fiocco e non svolazzi. tagliate le cime di sbiego con forbici affilate. dite no alla signorina che vuole impacchettarvelo, quando dice “le serve un pacco regalo” e voi dite si, lei apre una busta mette il libro etichetta la chiusura e ciao. quello non è un pacco regalo: è come uscire a cena la prima sera con jeans e calzetti bianchi.

qui sotto dieci libri dieci senza tempo e senza età che di voi parleranno benissimo. e a me hanno dato basi solide garantendomi risultati certi su materia prima maschiamaschia.

1. particellemichel houllebecq: qualsiasi titolo ma con preferenza per le particelle elementari e piattaforma. dirà di voi che avete qualche devianza sessuale sofisticata e irrinunciabile e che non vi fanno paura i francesi.

2. uomodadil’uomo dei dadi di luke rhinehart dirà di voi che di libri ne sapete e che non credete al destino. il caso alla base di tutto. libro straordinario, nella mia top ten assoluta. arma a doppio taglio, può esser troppo. maneggiare con estrema cautela. regalare solo a lettore curioso e versatile. se cede non avrete scampo. confezionare con dadi, non quelli da monopoli: quelli da casinò con gli spigoli vivi (da tabaccai fighi).

recinm3. manuel vázquez montalbán RICETTE IMMORALI  attenzione: messaggio inequivocabile: volete chiudervi in un monolocale con il destinatario del libro e mezzo chiletto di burro. lettura afrodisiaca, irrinunciabile per chi ha amato pepe calvalho. [qui la copertina NON italiana]. per goduriosi edonisti irrefrenabili anche: cucinare con il fernet branca (ironico e irriverente), q.b. la cucina quanto basta e c’era una vodka entrambi di sapo matteucci. ancora mischiando eros cibo e bacco: la vedova, il santo e il segreto del pacchero estremo e storia controversa dell’inarrestabile fortuna del vino aglianico nel mondo entrambi del sommo gaetano cappelli. più serio, un saggio bellissimo nel giardino del diavolo storia lussuriosa dei cibi proibiti di stewart lee allen, nonostante promesse e ore di telefonate a luci rosse quando ci siamo visti, abbiamo solo letto il libro. 

4.parenti parenti lontani di gaetano cappelli. dirà di voi che sapete scegliere gli scrittori italiani e che sapete ridere (grande qualità), se poi chi apre il pacco non lo conosce, una volta che avrà finito di leggere lo avrete ai vostri piedi. regalatelo a quel cazzone snob che dice di leggere solo autori non italici.

5. maidiremaimai dire mai ad un martini dry aliberti editori. a quello che dice che daniel craig 007 non è quello di ian fleming. sappiamo che anche un carciofo con lo smoking giusto diventa una rosa. dirà di voi che vi curate il raffreddore con il bollinger e non avete paura di sottolineare al barman come dev’essere il limone nel martini, di rimandare indietro bottiglie che sanno di tappo e bicchieri con lo stampo del rossetto di qualcun’altra. occhio alla biancheria che avete. se non l’avete c’è un problema in meno a cui pensare. portatevi una buona bottiglia di vodka.

6. adulteradiario di un’adultera di curt leviant se quello cui lo regalate legge solo romanzi di ebrei newyorkesi e nient’altro. dirà di voi che non vi fermate a roth e auster (non andatevi a infangare con jane austen, non son parenti), se poi vi annoia, presentatelo a me. lo illuminerò con le gioie della persecuzione e degli inseparabili di piperno.

7. non vi fidate e volete andare sul classico. state lontane dal gabbiano di richard bach e dal piccolo principe e tutte le cazzate di gabbianelle e affini. andate lisce ed eleganti con l’insostenibile leggerezza dell’essere di kundera. cercate di esser sabina, non teresa. magari un ripassino sulla primavera di praga non sarebbe male per finalizzare il risultato. allenarsi a pronunciare tomàs. una macchina fotografica può render le cose più intriganti.

tonypagoda8. hanno tutti ragione di paolo sorrentino. se l’ha già letto capirà che non vi siete fermate al tony pagoda fedifrago o allo scarafaggio in copertina, se non l’ha letto vi ringrazierà per tutta la vita. noi stiamo con tony pagoda.

9. limonov limonov di emmanuel carrére ai maschi piacciono altri maschi che hanno avuto il coraggio che loro non riescono a trovare completamente. libro da maschio: vita vera coinvolgente. dite che non vi fanno paura i dannati e maledetti. poi dite si. visto che non vi fanno paura.

barney

10. la versione barney di mordecai richler. il capostipite di tutte le seduzione librarie degli ultimi 15 anni. se non capitola vuol dire che a) non l’ha letto b) ha visto il film c) è una capra.

fuori concorso: la donna della domenica di fruttero e lucentini. ma questo è un regalo che si deve fare da innamorate. altra storia.

leggete fanciulle, più di tutto. apre menti e vi fa aprire con più frequenza anche altre estremità. siate curiose e non abbiate mai paura di chiedere.

per gli auguri ci risentiamo.

About these ads