musica d’altri tempi

cavepassato un anno. passata. trovo ancora in giro per casa, negli scaffali delle librerie  cose dell’orrido a.  che non sapevo neanche ancora di avere. una pila di cd, nascosti fra tanti altri che mi accorgo di avere solo adesso. nomi che neanche conosco (cd che erano parte di quella che doveva essere la mia -infusa-  educazione musicale.. in cambio dell’educazione sentimentale che mi ero follemente, utopicamente, proposta d’impartire) metto su il primo della pila, tanto per vedere l’effetto che mi fa. emotivamente calma piatta. trovo un certo nick cave stampato su un cd. australiano. non so neanche chi sia questo tizio. click: si apre la bocca da lupo mannaro del lettore cd che ingordo, ingurgita tutto di tutto, senza differenze, senza snobbismi, click, inizia. musica. per sconfiggere l’ignoranza mi attacco a google per scoprire chi è il tipo che si è impadronito della mia sala, già dalle prime note mi piace un sacco. nocturama del 2003. il meno meritevole dei suoi lavori dicono quelli che ne sanno molto + di me di musica e che si fanno leggere sui siti specializzati. mi piace molto. simile agli adorati morphine. aumento il volume.

http://www.ondarock.it/songwriter/nickcave.htm

foto da www.adriandenning.co.uk/cave.html

Annunci

10 thoughts on “musica d’altri tempi

  1. beh,nick cave sconosciuto mi sembra troppo!!!!! è un genio dell’intimismo musicale , con i suoi bad seeds ha riempito molti pomeriggi musicali di mie passate stagioni……….sentiti “the Boatmans’ call”!!!!!!!

  2. beh, antipatico lasciare i miei commenti da “anonimo” come quello qui sotto. è che mi do per scontatamente conosciuto
    byee
    Ramon

  3. Non è mai troppo tardi per scoprire cantanti “cult” come Nick Cave, o Tom Waits o Van Morrison o Frank Zappa, insomma quelli che non sentirai spesso per radio nè in TV.

    Quasi sempre li scopriamo per caso, per poi rimpiangere tutto il tempo che abbiamo vissuto senza la loro compagnia ;-)

  4. Anche il mio ex cercava di impartirmi una certa educazione sentimentale e, in qualcosa, pure lui aveva ragione :-)
    …. nick cave, david sylvian,david byrne,damien rice….stupendi…
    non tutto il male vien per nuocere!

  5. Rieccomi.
    Da qualche parte dovevo pur cominciare.
    Non ho resistito.
    Troppi indizi.
    Philip Roth.
    Battiato.
    La scarpa rossa.
    Il jazz.
    Le ricette.
    Nick Cave.

    Perché il tuo incontro con Nick Cave non rimanga casuale e legato a qualcosa che “era” ma a qualcosa “che sarà”, ti suggerisco l’ascolto (ovviamente intimo e notturno) di No More Shall We Part che, tra l’altro, ha un titolo di buon auspicio.
    Fifteen Feet Of Pure White Snow, Sweetheart Come, We Came Along This Road.
    Alla fine ho sempre voglia di alzare le braccia al cielo e cantando We Came Along This Road cominciare a girare fino a raggiungere uno stato di estasi completato dai violini che, come lame, sezionano l’anima.
    Emozioni alla julien.
    Un spruzzata di Dalwhinnie.
    Servire freddo. Meglio se dopo il tramonto.
    Agitato. Mai shakerato.
    Fammi sapere. Se vorrai.

    A presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...