wanda, wilma, weronica e la signora rosa

la seguente creatura è di:  bionda sardegna & dd.

larioWanda: son rivada, ciapa qua

Wilma: cosa sela sta roba.. te gavevo dito de portarme novella 2000, cosa sela questa roba.. mi leggo al massimo il giornal no questa roba de sinistra.. la repubblica, figurarse.. tien tien va..

wanda: oggi ‘l se mejo questo di novella 2000, la sé la weronica  che la gà scritto una lettera al direttor..

wilma: weronica chi?

Wanda: sè la nuora de la tua amica rosetta

wilma: mi no go amiche, go solo ti, te le ga tutte mandade via

wanda: ma si la tua amica de milan, la rosetta bossi, te sè anche andada al suo compleanno l’anno scorso e no te me ga portà perchè no go el vison che son animalista mi.

wilma: animalista nel senso che te tratti meio i tuoi gatti che i cristiani

wanda: bon, ma adesso te te ricordi de rosetta?

wilma: ma si, adesso me ricordo, la sè quela che la ga quel fio che prima el faseva el cantante sulle navi e poi sè diventà famoson più de claudio villa ma no co le canzoni

wanda: sè stà presidente del consiglio, due volte, wilma, ma no te te ricordi?

wilma: ih te sa che de politica no me intendo e che voto quel che te me disi ti solo se me piase el color dela scheda e se me s’intona cole scarpe e la borsetta..

wanda: bon ma leggi li.. quela che la fa l’attrice come te la fasevi ti da giovane.

wilma: no vedo ben e no son foto, cose la dise , dime tu, te ga letto ti, no?

wanda: la sè rabiada col marì perchè el fa apprezzamenti su altre femine

wilma: la ga ragion. mi lo copavo.

wanda: ti te ga copà un, nel 51, no te ricordi? un che no voleva che te andassi a balar la domenica pomeriggio

wilma: sè stado un incidente, no volevo mica.

wanda: si, ma dopo te sè pasada sora al cadavere tre volte con la macchina

wilma: nessun me ga dito niente, no entrava ben la marcia.. il giudice sé stà tanto bon e me ga dito che se no me lassava andar a ballar facevo ben così. lassa star e dime de la weronica

wanda: insomma, el marì, silvio se ciama, come el fio del carrozier, sè andà a una cena de robe de televiosion, e lì el gà fatto el svenevole con putele che le gà almeno quaranta se no cinquanta anni de meno

wilma: e le putele le gaveva el vison?

wanda: no c’entra, e poi sè una roba da vecce, no da putele. e allora la weronica la se gà rabià e ga scritto a un giornal

wilma: ih, se ogni volta che te me fa rabiar ti dovessi scriver a un giornal gaveria de publicar in proprio la treccani.

wanda: sè quel che penso mi. che se mi te soporto ti da 65 anni ela la pol soportar el marì che fa el galletto. che poi nol sè mica tanto giovane, el gaverà un po’ de crisi

wilma: ti te ga 85 anni, no 65.

wanda: si, ma i primi venti anni no te frequentavo, e i sè stai i migliori. insomma, la weronica la sè una putela ancora e la podessi trovarse un più giovane

wilma: poi la finisse come ti che te ga da la pension per due anni a quel putel che diseva che se sera innamorà de ti.

wanda: te ga sempre de tirar fora le mie robe quando che no le c’entra. ciama la rosetta che se fasemo raccontar ben tutto.

wilma: no trovo i ociai e neanche el telefono

wanda: i sè tutti e due sul tavolin de ingresso, vicin a le medicine pel fegato che te me fa vignir

wilma: wanda, el telefono no ga el filo

wanda: sè quel novo, cordel se ciama, el funziona senza fili

wilma: ih, solo ste diavolerie moderne te compri ti. come el se ciama? cortel?

wanda: quel el sè quel che te pianto ne la schena se no te la smetti. ciama la rosetta che poi te me conti

wilma: bon sta sittà che la ciamo… drin drin…

(casa bossi buonavera)

wilma: son la wilma, sela casa la rosetta

(un attimo controllo signova, vimanga in attesa )

wilma: wanda gò sbaià numero.. me gà risposto una putela straniera

wanda: la sarà la filippina no.. no te sa niente..

wilma: ah si la sarà la serva.. spetta spetta che la riva..

donna rosa: wilma carissima, hai letto che tragedia, menomale che hai chiamato, sapessi che giornata assediata dalla stampa.. telefoni fax mail piccioni viaggiatori..

wilma: gò senti, e te gò subito ciamada.. (sottovoce: wanda cosa selo un facs viaggiatore?)

donna rosa: uno scandalo uno scandalo.. quella la non l’ho mai potuta vedere, e lo dicevo sempre a silvio, guarda che è un’attrice una poco di buono, l’avevo avvisato.. ovviamente non attrice come te wilma cara, il tuo livello il tuo spessore ahhh volesse il cielo darci ancora artisti con il tuo talento..

che scandalo che scandalo.. e su un giornale di sinistra, che poca classe.. che poca classe.. dimmi tesoro dimmi che cosa ne pensi oh gesù proprio a noi uno scandalo del genere..

wilma: ma no stà preocuparte.. mi no savevo neanche quale la sera..

donna rosa: che tesoro sei.. così gentile a far finta di niente, ti ringrazio di cuore, menomale che ho ancora amiche come te.. so di poter sempre contare, so di poter confidarmi con te cara wilma, ora sto dettando a silvio la letterina di scuse per la PUTTANA, oh.. signur cosa mi fa dire quella la..

-si si silvio va bene così: cara veronica ti chiedo scusa, dammi qua silvio che leggo alla wilma vediamo se va bene..

 

 

"Cara Veronica, eccoti le mie scuse. Ero recalcitrante in privato, perché sono giocoso ma anche orgoglioso. Sfidato in pubblico, la tentazione di cederti è forte. E non le resisto. Siamo insieme da una vita. Tre figli adorabili che hai preparato per l’esistenza con la cura e il rigore amoroso di quella splendida persona che sei, e che sei sempre stata per me dal giorno in cui ci siamo conosciuti e innamorati. Abbiamo fatto insieme più cose belle di quante entrambi siamo disposti a riconoscerne in un periodo di turbolenza e di affanno. Ma finirà, e finirà nella dolcezza come tutte le storie vere.

Le mie giornate sono pazzesche, lo sai. Il lavoro, la politica, i problemi, gli spostamenti e gli esami pubblici che non finiscono mai, una vita sotto costante pressione. La responsabilità continua verso gli altri e verso di sè, anche verso una moglie che si ama nella comprensione e nell’incomprensione, verso tutti i figli, tutto questo apre lo spazio alla piccola irresponsabilità di un carattere giocoso e autoironico e spesso irriverente. Ma la tua dignità non c’entra, la custodisco come un bene prezioso nel mio cuore anche quando dalla mia bocca esce la battuta spensierata, il riferimento galante, la bagattella di un momento. Ma proposte di matrimonio, no, credimi, non ne ho fatte mai a nessuno. Scusami dunque, te ne prego, e prendi questa testimonianza pubblica di un orgoglio privato che cede alla tua collera -conclude il Cavaliere- come un atto d’amore. Uno tra tanti. Un grosso bacio".

-da repubblica online 31.01.2007-

 

Donna rosa: Cosa dici wilma cara?

Wilma: va benon

Donna rosa: oh tesoro ti ringrazio tanto… silvio imbecille chiama la repubblica.. no col telefonino che spendi troppo.. scusa wilma cara ti lascio e grazie ancora..

click.

 

Wanda: cosa gala dito?

Wilma: le gò chiesto scusa mi a veronica.

Annunci

5 thoughts on “wanda, wilma, weronica e la signora rosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...