di bene: “BANDONEON!”

Gotan2Concerto dei gotan project. La scarpa e la zoccola se ne sono rimaste in borsa, nel loro sacchetto di raso fuxia, hanno protestato un pò ma erano stanche e l’hanno fatto solo per dovere polemico. Qualcuno ha ballato. Nelle retrovie. Io no. Mi son messa davanti, senza presunzioni tangose. Son stata li a farmi trapassare la pancia dal bandoneon fisicamente e vibrantemente senza nemmeno muovermi più di tanto, anzi sentendomi molto goffa ad arrampicarmi su note conosciute e comunque limpidamente trascinate. Strano che mi faccia questo effetto così fisico, per come si muove in maniera sinuosa, sembrava un animale affascinante e pericolosissimo a volte. A volte sembrava fossi io un bandoneon suonato e vibrato. Concerto solitario e non condiviso, di quasi immobilità anche emotiva, ma non emozionale (la differenza c’è). volevo solo due mani appoggiate fra spalle e collo. Mi spaventa questo estraneamento che mi prende quasi sempre durante questi concerti così "percepiti". Sono talmente presa a farmi bombardare dalla musica (che mai come in questi ultimi anni mi possiede mi insegna mi intriga mi scuote) da farmi isolare completamente dal resto, fino al punto di poter dire che ieri sera mi sentivo “da sola” nella piazza. Io che da sola non vado ai concerti, poi ho bisogno di sentirmi esclusiva spettatrice. La pioggia, improvvisa e tanta, un minuto prima delle ultime note, mi ha chiusa in 10 minuti di decompressione, mai così utili, in un guscio protettivo che è un kway che mi accompagna dalla terza media. poi crollo addormentata in auto. Col bandoneon che si chiude. Nella mia pancia.

foto di j. tks

10 thoughts on “di bene: “BANDONEON!”

  1. Credo che esistano situazioni in cui stiamo talmente bene con noi stessi che non abbiamo bisogno di altro, e quindi siamo come in solitudine, in perfetta armonia con ciò che ci sta intorno…

    Un saluto

  2. Ho assistito anche io ad un loro concerto a Torino qualche mese fa ed è stato “sconcertante”……sono bravi, perfetti, penetranti ed emozionantissimi…..anche quella sera qualcuno ballava ai lati del palco………Io no, ascoltavo e mi sentivo felicemente accarezzata dai suoni:)

  3. Li ho visti a Roma, qualche tempo fa’. Sono coinvolgenti. Sono andato a vederli da rockettaro e sono uscito con un gusto di sole in bocca e tanta armonia negli occhi. D.

  4. molto interessante il blog… però non ho capito: perchè chiamare lo zoccolo (la scarpetta) “zoccola”? E poi complimenti alle tue scelte librarie!Parola di un appassionato di Fruttero! ciao,s.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...