estasi culinarie di muriel barbery (quella dell’eleganza del riccio)

estasi_culinarieho molto pensato al mio rifugio segreto da principessa leggendo questo librettino. a quelle chiacchiere fra l’alcoolico e il serio che seguono la cena con il signor commissario e l’illuminata signora barbara in piedi appoggiati al bancone di legno scuro, vicino a un vaso che sa di pulito con i biglietti da visita e le cartoline dentro. perchè si parla di cuochi, di gastronomi e di recensioni di chi è del mestiere e di chi non è del mestiere come la sottoscritta. da un pò scrivo solo di posti dove merita andar a mangiare e lascio stare i posti dove non mi son trovata bene per un motivo o quell’altro, e ce ne sono.. due settimane fa un sabato sera un disastro sotto tutti i punti di vista con un conto a sublimare il tutto che doveva far ridere se non avesse fatto incazzare. ma non metterò il nome del ristorante, perchè non ho nessun diritto di  evitare incassi o disintegrare reputazioni. e checchè ne dica un ristorantino che si cerca mille volte su google e vien sempre da me ad arrabbiarsi per quello che ho scritto,  non l’ho fatto e cercherò di evitarlo. se ci saranno posti meritevoli ne scriverò altrimenti ignorerò e cercherò di far dimenticare alle mie papille gustative il collasso. estasi culinarie è il primo libro di muriel barbery, quella dell’eleganza del riccio  sempre ed e/o per € 15.00. un famoso critico gastronomico francese nelle sue ultime ore di vita cerca di ricordare il gusto che l’ha sconvolto di più. nell’ultima pagina sarà svelato il mistero. per arrivare al finale attraversate i pensieri della moglie, dell’amante, degli animali di casa, dei figli: il tutto per pitturare un ritratto impietoso. intenso e di poche pagine, un surrogato di romanzo che a me è piaciuto molto per le connotazioni gastronomiche inevitabili che contiene e perchè mi ci son trovata dentro in tante frasi, una su tutte: pag. 44 "una pietanza deve essere una gioia per la vista, per l’olfatto, per il gusto, certo, ma anche per il tatto, che così spesso orienta le scelte dello chef e ha il suo ruolo nella festa gastronomica . l’udito non sembra aver molta voce in capitolo, ma è pur vero che l’atto del mangiare non è caratterizzato né dal silenzio  nè dal baccano, perchè ogni suono che interferisce con la degustazione la favorisce o la ostacola: in questo modo il pasto si rivela decisamente sinestetico". e questa leggendo qua in giro è sempre stata la mia filosofia. ed ora è giunto il momento di leggere il perfezionista di rudolph chelminski, perchè per una stella michelin in meno, si può anche morire.
Annunci

8 thoughts on “estasi culinarie di muriel barbery (quella dell’eleganza del riccio)

  1. hai ragione tu, carissima!!! Per una stella in meno si può anche morire…libro da leggere e sul quale meditare, rivolto a tutti coloro che amano e comprendono la cucina d’autore…ad maiora…

  2. Che disgrazia assoluta suicidarsi per una stella in meno sulla Michelin.
    Aspetto il tuo commento (come sempre sul libro) su quella tristissima storia.

    A presto

  3. Che disgrazia assoluta suicidarsi per una stella in meno sulla Michelin.
    Aspetto il tuo commento (come sempre sul libro) su quella tristissima storia.

    A presto

  4. ciao di
    stavolta non sono d’accordo. se non mangi bene in un posto va detto. se tu non fai bene il tuo lavoro te lo dicono e magari pure ti cazziano. per me uguale. quindi se c’è chi si improvvisa ristoratore e poi ti serve il frico del conad…è giusto che si sappia e si dica. quindi, alla “cena con delitto ” del 18 ottobre, lo spettacolo era bellissimo, le cena terrificante. il delitto probabilmente era quello. mai mangiato così male nemmeno in mensa. mi dicono che lì di solito si mangia bene, quindi a mio parere ancora peggio, perchè hanno sfruttato una serata dove la cena era già pagata da tutti per dare fuori gli avanzi delle settimane precedenti. si salvano antipasto (affettati misti quindi non cucinati da loro) e dolce (probabilmente panna cotta cameo e elah e quindi comunque buona). il ristorante in questione è il Barbacoa di Via S. Giovanni a Cagliari.
    bionda sardegna

  5. ciao di
    stavolta non sono d’accordo. se non mangi bene in un posto va detto. se tu non fai bene il tuo lavoro te lo dicono e magari pure ti cazziano. per me uguale. quindi se c’è chi si improvvisa ristoratore e poi ti serve il frico del conad…è giusto che si sappia e si dica. quindi, alla “cena con delitto ” del 18 ottobre, lo spettacolo era bellissimo, le cena terrificante. il delitto probabilmente era quello. mai mangiato così male nemmeno in mensa. mi dicono che lì di solito si mangia bene, quindi a mio parere ancora peggio, perchè hanno sfruttato una serata dove la cena era già pagata da tutti per dare fuori gli avanzi delle settimane precedenti. si salvano antipasto (affettati misti quindi non cucinati da loro) e dolce (probabilmente panna cotta cameo e elah e quindi comunque buona). il ristorante in questione è il Barbacoa di Via S. Giovanni a Cagliari.
    bionda sardegna

  6. @bionda sardegna: magari se avessi scritto oggi il post, non avrei detto così, visto che non solo quando sbaglio vengo bacchettata ma anche quando non sbaglio ma gli altri credono che lo faccia.. e parlo di papà fascisti di bambini che ho in classe che vengono a riprendermi perchè ho osato metter in piedi nell’angolo per punizione il figlioletto che -pare impossibile- è un angelo sempre e in classe fa il disastro, o come la nonna che per scusare il nipote che ha massacrato di calci un compagno mi manda a scrivere che io, non ho difeso il pargolo dai bambini che lo prendevano in giro e quindi.. è partita la spedizione punitiva.

    e quindi… i roncs di tarcento: eravamo in sei, bustine dei grissini aperte e rimesse nel cestino [anche se ha fatto lo shcerzo qualche bambini le cose devono esser controllate] mangiato un antipasto con polenta e porcini che meritava l’assaggio, un servizio ATROCE con una giovane fanciulla che non aveva aperto una bottiglia di vino in vita sua e ha iniziato col nostro castelvecchio, i cibo non è cattivo ma è assolutamente nella media e visto che si va a cena fuori per viziarsi tanto vale restare a casa invece di cenare li. prezzi troppo alti per qualità e servizio e sorbetto che apparteneva più alla categoria dei lavapiatti che alle bevande. E QUESTA E’ LA MIA OPINIONE E FINCHE’ CI SARA’ ANCORA LA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE APPROFITTO, visto che tutti si permettono di fare la punta ai cazzi con me.. oggi va così.

    dd.

  7. @bionda sardegna: magari se avessi scritto oggi il post, non avrei detto così, visto che non solo quando sbaglio vengo bacchettata ma anche quando non sbaglio ma gli altri credono che lo faccia.. e parlo di papà fascisti di bambini che ho in classe che vengono a riprendermi perchè ho osato metter in piedi nell’angolo per punizione il figlioletto che -pare impossibile- è un angelo sempre e in classe fa il disastro, o come la nonna che per scusare il nipote che ha massacrato di calci un compagno mi manda a scrivere che io, non ho difeso il pargolo dai bambini che lo prendevano in giro e quindi.. è partita la spedizione punitiva.

    e quindi… i roncs di tarcento: eravamo in sei, bustine dei grissini aperte e rimesse nel cestino [anche se ha fatto lo shcerzo qualche bambini le cose devono esser controllate] mangiato un antipasto con polenta e porcini che meritava l’assaggio, un servizio ATROCE con una giovane fanciulla che non aveva aperto una bottiglia di vino in vita sua e ha iniziato col nostro castelvecchio, i cibo non è cattivo ma è assolutamente nella media e visto che si va a cena fuori per viziarsi tanto vale restare a casa invece di cenare li. prezzi troppo alti per qualità e servizio e sorbetto che apparteneva più alla categoria dei lavapiatti che alle bevande. E QUESTA E’ LA MIA OPINIONE E FINCHE’ CI SARA’ ANCORA LA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE APPROFITTO, visto che tutti si permettono di fare la punta ai cazzi con me.. oggi va così.

    dd.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...