ezechiele lupo e le donne

 

1226325423220_model14giallatifd’estate si abbronza come un marinaio greco, comprese le rughe. invece io, oggi mi son svegliata dopo la sbronza, di cristallo, fragile come un flute di boemia. lui che mangia cioccolata sotto ogni stato: liquido,  budinoso e aereo immagino, lui immagina una giuditta che lo cucina quel budino, con tacchi alti, calze autoreggenti e nient’altro. e chissà se lo finirà il budino visto che farà scempio e s’ingozzerà di lei. speriamo si ricordi di spegnere i fornelli, almeno. alle volte ezechiele lupo s’indispone quando loro gli sculettano accanto con dannati pantaloni aderenti o gonnelline cortissime, gli sorridono come per dirgli: stasera ti farei di tutto, tutto quello che le suore del collegio mi hanno detto di non fare mai. lui ci sta, ma poi loro intendevano una casa, un figlio, compere all’ikea, le domeniche a pranzo dai suoceri, mentre lui intendeva solo una normale, benedetta, onesta scopata. lui non è per le magrette ma per le linee anforose, per il polpaccio tornito ma si fa infinocchiare da visetti deliziosi di golfine.  e ascolta don’t blame me di count basie e legge l’achmatova. e sa che cosa dice bill murray nell’orecchio di scarlett johansson nella scena finale di lost in traslation, nel mezzo del traffico di tokio, e non me lo vuole dire. si chiude in casa, libro, divano nat king cole e sta tranquillo, e lo xanax aiuta. d’estate di fronte al ventilatore, nudo, in piena corrente d’aria per lamentarsi l’indomani di un dolorino che non aveva prima. non diventa orso come crede, è lupo.  dice che le donne son uomini che ogni tanto piangono e che anche un orologio rotto segna due volte al giorno l’ora esatta. detesta le sere della domenica, quando neanche colombo lo salva da quel mal di mancanza che arriva dal cielo sopra berlino, quando l’angoscia fa capire che che si vorrebbe essere sempre altrove, per cui si è sempre fuori posto, sempre fuori luogo., sempre a sprecare energie, sogni, preparativi, potenzialità, illusioni, a sprecare  poesia, dolcezza, amore, in attesa continua. si chiama esilio  perenne, sempre altrove, sempre male, sempre una spina nel fianco. mi dice che scelgo sempre le cose migliori, quelle più raffinate e l’augurio che mi fa è di farlo anche con i maschi. adesso prende the pomeridiani con la moglie del dentista che fanno piacere ad entrambi. ma con troppa gentilezza, che non fa parte del vocabolario del sesso. che cambi almeno dentista. adesso prende caffè con la moglie sportiva dell’impresario che si presenta come un bignè con cui ingollarsi e che prenderà permesso la prossima volta per passare più tempo con lui. adesso arriva la sua amica massaggiatrice, ad ora incivile, non ci sarà gentilezza e quindi ci sarà sesso vero. adesso vorrebbe scomparire con la sua innamorata accanto.

Annunci

4 thoughts on “ezechiele lupo e le donne

  1. Se riesci ad astorcergli la frase sussurrata nell’orecchio a Bill Murray me lo fai sapere? .. quante cose in comune con il lupo :)
    Quanto è divertente il sottotitolo del tuo blog .. complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...