la moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo di audrey niffenegger

la_moglie_dell_uomoho riletto un altro libro per la seconda volta. mi era piaciuto moltissimo e mi è piaciuto anche di più adesso. è uno di quei libri che finchè non l’hai finito non badi neanche george clooney che ti gira in cingilombi, pigro,  per la cucina bevendo un caffè.   LA MOGLIE DELL’UOMO CHE VIAGGIAVA NEL TEMPO di audrey niffenegger, mondadori economico € 9,40 è una favola romantica e un pò fantascientifica che non ha confini spazio temporali. la moglie è claire che vive la sua esistenza in rigoroso ordine cronologico. l’uomo che viaggia nel tempo è henry, scompensato geneticamente che si trova catapultato in anni nei quali aveva altre età. non son viaggi nel tempo in epoche diverse, si muove nell’arco di 30 anni. anche se non avete sentori o ipotesi romantiche leggetelo, iniziatelo a leggere e FIDATEVI. mi ha ridotto alle lacrime. un’accortezza: su queste pagine dovete starci con la testa e non perdere il filo del discorso altrimenti  sarete voi quelli persi. riferimenti che in prima lettura non avevo colto adesso mi hanno sorpreso e mi hanno spinta a riprendere in mano un altro libro che mi era piaciuto alla follia (possessione della byatt ed. einaudi, anche quella: donna di folle e raro genio). la nuova edizione ha cambiato copertina, a me piace molto questa che rende benissimo le pagine che contiene. in mezzo ad un trasloco, nella casa che entro qualche giorno lascerò, in una cucina dove rimane solo un tavolo, una sedia e un tostapane dell’america anni ’50, cercando di ricomporre in altri spazi tutto quello che sono io, felice.

13 thoughts on “la moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo di audrey niffenegger

  1. @tutte: grazie fanciulle :)
    bello tornare e trovarvi qua!

    il trasloco non è finito, ANZI sta entrando nella fase migliore: la cucina è nella casa nuova ma non ha ancora il gas e l’idraulico non è ancora venuto. letto, armadi e divani sono ancora qua. non so se portarli domani.. mah..

    i libri li ho finiti oggi.

  2. Vedo che ti piace leggere, se non hai già avuto modo di farlo, ti consiglio di leggere “L’ombra del vento” di Carlos Ruiz Zafon. E’ stupendo, uno dei pochi capolavori scritti negli ultimi anni.
    Ho fatto un giro per il tuo blog, mi piace, ripserò. Se non ti spiace ti linko.
    Ciao,
    buona giornata

  3. @lanzero: linka linka pure ;)

    l’ombra del vento, letto, ma dirlo un capolavoro mi pare un pelettinetto esagerato, grazie cmq del consiglio, ne aspetto altri volentieri!

    bentrovato

    dd.

  4. urka!
    Traslocchi e hai pure il tempo di leggerti un libro.. anzì rileggere un libro.
    Minchia ma di cosa ti fai??
    Io son qua tra ISO, pulizia pesante.. cure termali e ancora alle prese con il caso della “mummia” con la Petra…
    Il tutto su tacco 12 però!
    Baci Dida e Buon ferragosto!!!!

  5. Oggi per puro caso mi sono trovato alla Mondadori, di fronte allo scaffale dei mondadori economici (in questo periodo con sconto 20%) e mi è venuto un lampo. Vediamo se riesco a vincere la mia ritrosia nel leggere libri consigliati da altri (compresa mia moglie:-). Comincio a cercarlo. La mia memoria è molto scarsa mi ricordavo che era della mondadori solo perchè avevo letto in un post precedente che dicevi che la mondadori pubblica scovazze. Ed avevo pensato che invece qualche libro mondadori ti piaceva pure :-). Mi ricordavo anche che nel titolo c’era la parola donna. Cerco e non lo trovo. Vado sfoglio altri libri e prima di uscire ripasso ed a colpo d’occhio lo vedo. Con una copertina diversa. Lo apro e leggo a caso dei brani, scorro le pagine. Esattamente 500. La lettura non mi prendeva ed in questo periodo in cui non riuesco a tenere il filo di un post lungo penso che sarei stato tra quelli persi nella trama. Avrei però dovuto terminarlo. Odio lasciare un libro a metà. L’ho lasciato lì….Lo leggerò quando sarò più maturo :-D

    Ciao!

    Marco

  6. Molte molte volte l’ho visto negli scaffali della Feltrinelli e mi diceva “prendimi!” ma io, chissà perché, resistevo. A questo punto mi sa che domani non resistero’ e saprò come passare il week-end.

  7. è uscita la trasposizione cinematografica, vista ieri sera. sebbene il titolo del film sia pietoso “l’amore all’improvviso” il libro non ne esce massacrato. lui è lui, lei da grande no, per niente. tanti personaggi che nel libro fanno la differenza, nel film non la fanno per niente.
    tutto sommato poteva andare peggio.

    w henry e tutto quello che mi ha fatta piangere ieri sera.

    :’)

    dd.

  8. Ero indecisa se leggerlo o meno… lo prendo dallo scaffale della libreria, lo guardo un po’, ci penso, lo poso di nuovo. Insomma, ora devo decidermi ad acquistarlo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...