una giornata nell'antica roma

giornata_antica_romauna giornata nell’antica romavita quotidiana, segreti e curiosità– di alberto angela ed. mondadori € 12.00 letto per deformazione professionale, quest’anno in quinta ci sono i romani e SI DEVE sapere come vivevano, cosa mangiavano (anche i ghiri), se avevano un cane (si l’avevano), se si truccavano, come si vestivano etc. etc. storia quotidiana con fonti certe, ma non scritte o riportate sul libro. niente di che, non mi ha stupito e pochissimo divertito. mi ricordo della BUR c’era una collana anni fa.. "vita quotidiana al tempo di…" : quelli mi erano piaciuti tanto, questo no. in primis perchè è scritto in prima persona, come se il nostro albertone (più nazionale di tomba, per me) fosse stato lì presente a camminare su e giù per i fori. niente di che. sarà anche perchè non  è il mio periodo storico. si sa, son una francese dei primi decenni del ‘900. intanto domani si ricomincia.. convenevoli finti, abbracci (…che se si potessero portare ancora lame da 20 cm nascoste nelle maniche.. fa ancoracaldo e saranno tutte senza maniche) riunioni e fiumi di parole (probabilmenti inutili), litigate (previste) già dalle prime ore e attesa per il 15 quando la scuola riaprirà con la materia prima zampettante sorridente e piangente. fino a quel giorno solo perdita immane di tempo. torna il maestro unico dalla classe prima di quest’anno. vedremo come andrà. affronto il nuovo a.s. con un nuovo paio di dannati stiletti. leopardati. roarrrrrrrr
Annunci

4 thoughts on “una giornata nell'antica roma

  1. L’ho letto!!! L’ho letto!!
    ( scrisse la Susy in puro stile scambio figurine Panini)
    Io adoro gli Angela, padre e figlio, non mi perdo una puntata dei loro documentari e pubblicazioni. A mio parere una delle cose migliori della Tivì dopo l’ispettore Barnaby.
    Ciauu DIDUZ!!!

  2. Io voglio fare una proposta al collegio, certo, martedì si opera mia madre, non mi è facilissimo concentrarmi sulle proposte da fare al collegio. Cmq mi pare di aver letto da qualche parte che per via dell’autonomia non ci possono costringere ad adottare l’ins. unico. Mo’ mi devo documentare, e poi, se la cosa è giusta, dovessi essere l’unica deficiente in tutta la scuola – e può essere – propongo al collegio di non adottare l’insegnante unico, ma di distribuire gli insegnanti nelle classi come ci pare, come ci permette l’autonomia scolastica.

  3. Ciao! Anche io ho letto quel libro, e penso che sia diventato un best sellers solo perchè il mio professore l’ha fatto acquistare a tutti i suoi studenti!
    Non è malissimo devo dire, è carino e anche abbastanza interessante, ma io non amo questi libri, preferisco i romanzi, hanno un senso almeno.
    Cmq carino il tuo blog, davvero, anche io vorrei mettermi a commentare i libri che leggo, siccome amo leggere, ma il tempo scarseggia davvero..
    Cmq continua a recensire i libri, le tue descrizioni sono carine e mi invogliano a comprare più libri! Un saluto
    Eleonora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...