dida piange alda merini


alda-merini

alda merini 21.3.1931-1.11.2009

sono stati, insomma, i miei amori, dei paesaggi molto tranquilli, dove non si riposava neanche un giorno. Ma da questo sogno di pace nascevano i versi, che, come diceva Manganelli "sono un’insana leggenda".
Feci una vita tranquilla, morbida, stravaccata su un letto, dove non so quanti amanti mi offrivano i loro guanciali. Ma io dormivo beatamente per terra o nella vasca da bagno, perchè disdegnavo la loro comodità. Mi facevano schifo gli uomini che dormivano tra le coperte. Mi facevano pensare agli arcipreti, ai vescovi, tutti rammolliti tra bianche lenzuola, in realtà io ero solo una creatura libera, io che vivevo fra verze ed ortiche.

da pag.102 di "uomini miei"
alda merini
frassinelli 2005
Annunci

5 thoughts on “dida piange alda merini

  1.  Che meraviglia di citazione Dì! Vado a prendermi il libro appena posso.
    Il giorno che ho saputo di Alda, mi ha invaso un lutto profondo, di quelli che ti pesa di più il mondo addosso a saperlo più vuoto di persone così. Bisogna far vivere le loro parole, io non mi dimenticherò di lei! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...