dai conan.. stringiti forte a lana

conan_ragazzo_del_futuroconanche peste colga chi non se lo ricorda! mia sorella ha dato il tormento SEMPRE per avere l’unica tv di casa libera quando passava su tiporetepadova quello che a conti fatti, da grandi, è un cartone di miyazaki in appena 26 episodi. è che da piccoli le puntate sembravano 2 milioni, compresa candycandy (adorata sempre), lady oscar e il primo topless cartoon (prima di ruko tatase e la clinica dell’amore), l’ansiosa mimi aiuara che per anni mi ha costretto alla pallavolo, alla ricerca di quella palla ad effetti speciali che diventava invisibile.. per la cronaca la mia squadra è stata sempre ultima in qualsiasi tipo di classifica. poi ho abbandonato, solo quando, in prima superiore mi è venuta la mononucleosi. ebbene si, proprio quella che costringeva ricky cunningam a mangiare solo gelatine… mi sto lasciando prendere la mano. dicevo di conan di lana di indastria .. sicuro, SICURO tutti se lo ricordano anche perchè aveva un fascino apocalittico e di sopravvivenza che faceva il paio con la prima (originale) serie dei sopravvissuti terrorizzandomi non poco e dandomi dipendenza. a distanza di più di vent’anni, quasi trenta contando meglio, ho scoperto e letto il libro dal quale è stata tratta liberamente la serie. CONAN IL RAGAZZO DEL FUTURO di alexander key, kappa edizioni € 13.00. il pathos c’è tutto, qualche nome nel cartone è stato cambiato (lana è lanna, indastria è industria..), il libro è molto più serio e il fatto che l’ecatombe sia accaduta nel 2008 e le avventure di conan siano nel 2028 ci fanno tirare un sospiro di sollievo (piccolo).
Annunci

5 thoughts on “dai conan.. stringiti forte a lana

  1. Ho visto il cartone da piccola e ho letto il libro quand’ero all’università, prestatomi da un compagno di corso, dopo che per anni e anni mi ero domandata dove mai avrei potuto reperirlo. Bellissimi entrambi.

  2. Invece a me Conan fa venire in mente Schwarznegger e soprattutto Abatantuono, Attila il fratello di Dio, Conan di Segrate, barbaro all’ennesima potenza….Differenze culturali:-DD 

    Ciao
    Marco

  3. che ricordi…recupero immediatamente il libro!
    Riuscivo a percepire la limpidezza dell’acqua intorno all’isola e il freddo del ferro del palazzo principale di Indastria, sognavo di pilotare quei robot con le leve e mi inorridivano le sculacciate a Gipsy, mi veniva fame guardando il pollo e il pane sfornato dalla moglie del sindaco e mi innamoravo di Lana.

    Sono davvero dispiaciuto che i più giovani crescano a Ed, Ed Eddy o Helo Kitty (se così si scrivono)!

    Ciao
    Andrea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...