librando

acqua_in_boccasogno_piu_dolcefollie_brooklynacqua in bocca di camilleri e lucarelli minimum fax. devono averlo scritto nei ritagli dei ritagli dei ritagli del loro tempo libero e devono anche essersi divertiti parecchio.  libro scritto a quattro mani mandandosi via mail forse, via fax forse, i capitoli e chiedendo all'altro di continuare la storia. montalbano incontra grazia negro e si intravede anche coliandro, nel mezzo tortellini, cannoli e pesci tropicali. vi fate quattro sane risate ma non ha niente a che fare nè con montalbano nè con lucarelli anche se di lui ho letto poco poco pochissimo. divertente letturina da vacanza, un mezzo pomeriggio ve lo passate senza dover ascoltare la vicina di ombrellone che racconta dell'amante della signora agnese del secondo piano palazzina b.
il sogno più dolce di doris lessing feltrinelli. avrà anche vinto il nobel della letteratura ma a me questo libro è sembrato un harmony con un pò più di pagine e senza amplessi peccaminosi. storia di una famiglia con le sue generazioni dove frances mazziata e cornuta continua per tutta la vita a trattar troppo bene il suo ex-marito, un uomo che è una nullità e a mantenere anche le di lui ex-mogli successive. una tanto tanto buona che accoglie figli, amici dei figli e mantiene tutti senza fare una piega (intendo una piega dal parrucchiere). non sono abbastanza buona e paziente per leggere queste cose che vanno a finire sempre bene. premio nobel si, ma anche no. ho perso tempo a leggerlo.
follie di brooklyn di paul auster. un libro che è già un film.  pagine che finiscono troppo presto, troppo presto davvero. l'ho spazzolato e quando son rimasta senza mi son vista come quei bambini a cui cade il gelato e vola via il palloncino. niente a che fare con il supremo la trilogia di new york , qui sembra addirittura un altro scrittore, con più verve, meno cinismo, decisamente più voglia di vivere. in quest'estate piena di pensieri questo libro mi ha fatto staccare da tutto. inizia con "stavo cercando un posto tranquillo per morire" e finisce l'11 settembre 2001. nathan, malato, si trasferisce a brooklyn per morire e incontra una serie di persone, alcuni nipoti una cameriera magnifica e incastrata. diventa persona anche il quartiere. tutto calza, si incrocia, si incalza con incastri perfetti e non definitivi. i personaggi son vivi, tanto che si potrebbero incontrare domani mattina a prendere il caffè. ci si emoziona per tutto quello che succede in ogni pagina. mi piace tantissimo questa scrittura in prima persone semplice e coinvolgente. romanzi così dovrebbero andare avanti 1000 pagine prima di scrivere l'ultima parola.
"prova a seguire la corrente. tieni alta la guardia. non lasciarti infinocchiare. vota democratico a tutte le elezioni. pedala nel parco. sogna il mio corpo perfetto e dorato. prendi le vitamine. bevi otto bicchieri di acqua al giorno. fai il tifo per i mets. guarda un sacco di film. non lavorare troppo. vieni con me a fare un viaggio a parigi. accompagnami all'ospedale quando rachel avrà il bambino, e prendi in braccio mio nipote. lavati i denti dopo ogni pasto. non attraversare con il rosso. difendi  i piccoli. non farti mettere la testa sotto i piedi. ricordati quando sei bella. ricorda quanto ti amo.  bevi uno scotch con ghiaccio tutti i giorni. respira a fondo.  tieni gli occhi aperti. stai lontana dai cibi troppo grassi. dormi il sonno dei giusti. " 

 

Annunci

4 thoughts on “librando

  1. Per quanto riguarda "Acqua in bocca", condivido in pieno, mentre per "Follie di Brooklyn" non sono dello stesso parere. Personalmente ne ho le tasche piene di questo tipo di narrazione, inoltre non amo gli americani in genere, salvo pochissime eccezioni che confermano la regola.

  2. Per quanto riguarda "Acqua in bocca", condivido in pieno, mentre per "Follie di Brooklyn" non sono dello stesso parere. Personalmente ne ho le tasche piene di questo tipo di narrazione, inoltre non amo gli americani in genere, salvo pochissime eccezioni che confermano la regola.

  3. evviva patty che è tornata!!!! :)americani tipo roth?a me piacciono molto, i pezzi da 90 in primis. son li che mi aspettano con ansia.. poi come al solito rifletto e penso che non vivrò mai abbastanza per leggere tutto.un abbracciodd.

  4. evviva patty che è tornata!!!! :)americani tipo roth?a me piacciono molto, i pezzi da 90 in primis. son li che mi aspettano con ansia.. poi come al solito rifletto e penso che non vivrò mai abbastanza per leggere tutto.un abbracciodd.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...