tentativo n.1 di arrivare al licenziamento entro dicembre: la verità vi prego sulla scuola

simpson scuolale scuole si dividono in scuole con il distributore di bibite e caffè e scuole con la caffettiera fuori legge. le scuole con il distributore sono grandi, ci sono tante maestre e probabilmente tutte donne. le scuole con la caffettiera, che non si può portare a scuola e non si può nemmeno accendere, sono scuole piccole, con classi quasi sempre piccole, con poche maestre, il dolce fatto in casa portato dalla bidella o da qualche maestra , un mazzo di cucchiaini spaiati, le chicchere tutte diverse, la zuccheriera o forse c'è anche qualche maestro. quest'anno sono capitata in una scuola con la caffettiera. per il momento va tutto bene, anche troppo… quindi son molto preoccupata. moltissimo. si fanno delle cose fuorilegge: tipo fare il caffè, tipo aiutare le signore che in mensa non ce la fanno da sole a servire 100 lupi affamati, tipo stare 5 minuti in più a ricreazione in giardino nonostante i moniti del dirigente. nella mia scuola con la caffettiera, in classe prima ci sono sette maestri unici e un educatore. per un totale di otto maestri unici quando il dirigente aveva la possibilità di far entrare in tutto 4 maestri. nella mia scuola con la caffettiera, in classe prima c'è un bambino che ha sacrosanto diritto ad avere una maestra solo per lui e invece la può avere per sole 12 ore. nella mia scuola ci sono maestri che vanno da ikea a comperare le mensole per metter in classe perchè non c'è neanche uno scaffale dove riporre i quaderni. nella mia scuola con la caffettiera i genitori all'inizio dell'anno hanno fatto una colletta per prendere i detersivi che l'unico bidello dovrà usare per fare le pulizie. nella mia scuola con la caffettiera i genitori hanno portato una risma di carta ciascuno e la fotocopiatrice funzionerà finchè ci sarà il toner. ma nella mia scuola con la caffettiera si sta bene. i bambini di quinta ogni giorno mettono fuori le bandiere, anche se a me pare fuori legge che lo facciano loro, si fanno le riunioni e si becca sempre un papà che ti guarda le tette e i tacchi a intervalli cronometrabili. ci sono maestri maschi che indiscutibilmente stemperano l'acido dell'ambiente e ci sono i bambini che ti fanno dichiarazioni d'amore e fedeltà assoluta e ti giurano che la matematica è la loro materia preferita. 

Annunci

5 thoughts on “tentativo n.1 di arrivare al licenziamento entro dicembre: la verità vi prego sulla scuola

  1. Il privilegio da godere nella scuola è alunno dell' azzardo al quale non ci si sottrae.Nella mia, mi ritrovo a far colletta per la carta igenica e quando non brucio la torta di mele, la faccio portare a scuola per l' intervallo.Non farti licenziare, sarebbe una perdita.Ciao

  2. Lavoro in una scuola con la caffettiera anch'io.Lo sa anche il preside che prende il caffè volentieri.Un anno una preside ed un responsabile della sicurezza particolarmente pignoli ce l'hanno proprio vietata, nel senso che entravano a scuola annusando l'aria. Dicevano che era vietato anche avere anche la macchina con le cialde, insomma, proprio il principio del caffè era fuorilegge.Io ed una collega abbiamo continuato a farci il caffè per tutto l'anno, in un sottoscala, sembrava un gesto di resistenza il nostro, un atto sovversivo. La stessa preside e lo stesso responsabile della sicurezza, d'altra parte, ci avevano vietato un sacco di cose, tipo i dolci fatti in casa e il restare a scuola due secondi di più del proprio orario di lavoro (dovevamo attendere le riunioni fuori dall'edificio scolastico, finivi di lavorare, non si sa mai che la scuola crollasse o esplodesse e tu ci rimanevi sotto fuori dal tuo orario di servizio, di chi era la colpa?). Anche mandare i bambini al bagno era un attività molto rischiosa o tenere una scopa fuori dall'armadio del materiale delle pulizie rigorosamente chiuso a chiave. Insomma, l'unica attività consentita sembrava essere guardare i bambini seduti diligentemente al loro posto, e stare attenti anche a respirare perchè non si sa mai… i batteri.Sto andando fuori tema, mi sa, e non so neanche io bene cosa volessi dire.Cmq, Dida, anche a scuola mia abbiamo la caffettiera.Maestra Elena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...