rose, rose di bill james

anche solo il titolo mi riempie la pancia. con la voglia di primavera che ho, mi basta anche solo il nome dei fiori per sentire che sta arrivando. trovato come consiglio accattivante su un forum e preso. però, mi dicono poi, è il quarto della serie.  quindi un po’ la sorpresa è rovinata, volessi anche leggere i precedenti. bella letturina inglese. marito e moglie entrambi con amante. lei torna da un incontro clandestino in un appartamento extralusso londinese. lui va a cercarla perché fa tardi e non è rientrata a casa, e la trova. morta. vicino all’auto nel parcheggio della stazione. la tovaglia appena acquistata, per apparecchiare la tavola della festa è zuppa di sangue. lui è un poliziotto non del tutto buono e onesto. lei è una che va per mostre, negozi, prende treni e va in città, a teatro, a trovar l’amante e bere taittinger. il giallo è scoprire chi ha ammazzato madame. è natale, la casa ha l’albero acceso, le figlie adolescenti non sembrano prendere troppo male la scomparsa della mamma. c’è un via vai incessante di poliziotti che chiudono le porte senza fare rumore. humor inglese, breakfast funebre e una sottile sottilissima tensione erotica in ogni pagina. la scenografia che mi son fatta era a metà fra londra e brighton, l’idea da soddisfare adesso è un cappotto col collo di pelliccia.

i funerali non sono privati, ma la partecipazione ha un suo significato”. pag. 147

2 thoughts on “rose, rose di bill james

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...