ritratto di marcel proust di edmund white

pfu. ne so più io del libro. niente di nuovo. lettura piacevole di cose già lette ma messe giù meglio altrove.  un bignami della vita del mio monsiueur proust con un po’ troppo calcar la mano sulla sessualità trattenuta e dirompente allo stesso modo, e trasposta sulle pagine , ma invertendo i sessi. si si si lo ripeto. è giunta l’ora di prender seriamente in considerazione la lettura -al più presto- de la recherche. non ci son più scuse. biograficamente parlando ho letto tutto quello che ho trovato in circolazione. so da dove viene la recherche, da chi, com’è stata scritta e dove, dove ha abitato, come e dove si spostava, che cosa mangiava, che gelati preferiva, il numero di telefono che aveva, cosa vestiva, cosa regalava. la mia curiosità rasenta l’ossessione e il voyerismo. devo prender coraggio e iniziare da swann.

pag. 92 “non aveva alcun interesse per il collezionismo, né di dipinti, né di libri, e nemmeno per l’acquisto di vestiti o per la ristrutturazione del suo appartamento. era un monaco playboy.”

se siete voyeur quanto me, consiglio:

il cappotto di proust di lorenza foschini  (2010, mondadori) un tocco gentile che vi farà passare un pomeriggio leggero e divertente. monsiuer sa riconoscere il profumo delle principesse.

marcel proust di giuseppe scaraffia accademica , storica, perfetta biografia (1986, edizioni studio tesi)

alla ricerca della madeleine -le ricette di marcel proust- di luca glebb miroglio (2004, il leone verde) calma piatta

album proust meridiani (1987, meridiani) qualche bello stimolo parte da lì e ci son tante foto

al ballo con marcel proust della principessa bibesco (1928, 1973, sellerio) una principessa che ha fatto finta di esser cretina racconta

monsieur proust di céleste albaret (1973, 2001 SE) in assoluto il mio preferito fra quelli letti. memorie della sua governante, fino all’ultimo minuto di vita. “monsiuer temeva molto il profumo delle principesse”

come proust può cambiarvi la vita di alain de botton (1997, guanda) geniale. da divorare e rileggere a scadenza annuale

una notte al majestic di richard davenport-hines (2006, ed. sylvestre bonnard) libro che andrebbe venduto in gioielleria

Annunci

3 thoughts on “ritratto di marcel proust di edmund white

  1. Io ti consiglio di prendere in mano la benedetta Ricerca e dimenticarti di tutto quello che hai letto prima. Potresti avere un mucchio di sorprese…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...