50 sfumature di grigio di e.l. james

50_sfumature_di_grigiol’ho letto io così non dovete neanche far lo sforzo di decidere. qui sotto c’è la trama quindi sta a voi scegliere se continuare a leggere o meno. è una roba da ombrellone, da ridere, che mi serviva tanto in una settimana di ansia.  quando lo vendono come il romanzo erotico del secolo dubitatene fortemente. fino a una settimana fa non avevo neanche idea di che roba fosse. l’ho preso a € 6,99 e messo su kindle, in due giorni di pigra lettura  al caldo è passata la paura. battage pubblicitario che funziona, soprattutto perché diviso in tre volumi (gli altri due saranno le 50 sfumature di nero e di rosso) in uscita l’uno immediatamente dopo l’altro per quest’estate che sarà torrida per diverse signore. anastasia steele illibata laureanda, con amica figa, amico che le fa una corte spietata, un maggiolone di nome wanda incontra christian grey giovanissimo ad di un’azienda di grande successo e generoso miliardario. lei non fa nessuna fatica a cedere, e perché dovrebbe poi?  lui le propone la stipula di un contratto [proposta indecente ha fatto storia] che va a definire durata, qualità di rapporti, benefit e obblighi, violazioni e punizioni del menage, chi di noi amiche non ha avuto un “formatore”? lui è -a orari fissi- il dominatore e lei la sottomessa con tanto di camera ad hoc, la fanciulla accetta tutto, anche che le tolga un tampax [carlo e camilla hanno fatto storia pure qua], finché le cinghiate fan troppo male e lei se ne va in lacrime, ovviamente riportata a casa dall’autista di lui che fa tanto angelo custode buono con fazzoletti di stoffa pronti all’occorrenza. fine primo libro. non serve avere la sfera di cristallo per saper che lei tornerà sui suoi passi per almeno altri due volumi. mr. grey è pieno di problemi dati da un’infanzia di cui si verrà a conoscenza negli altri due volumi, ha uno psicologo,  ha avuto altri rapporti simili ma qui pare che ci vada di mezzo la sua nascosta parte romantica, stupisce anche lui.  è abbastanza noioso, le scene di sesso (perché il film sarà imminente) sono sempre le stesse, ripetitive e con pochissime parolacce. lui è bellissimo, coltissimo, attentissimo ma troppo giovane: ha 27 anni e tutto quello che si potrebbe desiderare. avrebbe potuto avere più appeal sul pubblico di lettrici di cui faccio anagraficamente parte se ne avesse avuti almeno il doppio. a 27 anni non può già saper tutto dal bollinger alla musica sacra e aver ancora almeno 50 anni di apprendimento davanti! sfido poi a non avere almeno il dubbio se accettare o meno un contratto in cui un maschiomaschio si occupa in tutto e per tutto di noi. vestiti, controlli medici, nutrimento, palestra, auto, spese extra-lusso completamente pagate, governante, superattico, tecnologia con la possibilità di rifiutarsi per proposte troppo violente.  per me è stata questa la parte pornografica del libro! per l’estate e per le attese va più che bene. si spegne il cervello e si legge, cerchiamo di non esagerare anche con gli altri due volumi. se volete, di alta letteratura erotica ce n’è con i fiocchi e con tanto, ma tanto, cervello a fior di penne. due “n” ho detto.
magari dovrebbero leggerlo più i maschi.

Annunci

8 thoughts on “50 sfumature di grigio di e.l. james

  1. no, non lo prendo e non tanto per la storia di spegnere la testa (che va bene), o per l’eros (che va benissimo), ma mi ha raffreddato l’età di lui. 27? No, per me bisogna averne almeno il doppio, e che diamine.

  2. ciao ragazze, anche io l’ho letto (appunto sotto l’ombrellone) ma dai nn faceva proprio così schifo… poi lui me lo immagino davvero un figo incredibile!!! insomma mi sa che mi tocca leggere anche gli altri adesso… a proporito: che mica ce l’avete l’indirizzo di mr grey??? :)
    ciao
    luciab

    • ciao lucia!

      il nero già letto e a questo punto mi leggerò anche il rosso!
      a christian grey ho dato immediatamente la faccia di christian bale (quello di batman begins)

      :)

      dd.

  3. Pingback: 50 sfumature di rosso di e.l. james | Dida

  4. Pingback: 50 sfumature di invidia | Dida

  5. Pingback: la verità sul caso harry quebert di joël dicker | dida

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...