le braci di sandor marai

Marai_-_Le_bracil’avevo letto gli ultimi giorni del 1999. sapevo essermi piaciuto non me ne ricordavo nemmeno una pagina. l’ho riletto ieri in una giornata grigia e solitaria, non mi son staccata dalle pagine come non mi son staccata dal fuoco acceso anche se non faceva tanto freddo. la mia bella prima edizione adelphi l’ho prestata a qualcuno che non vedo più e che non ho nessuna voglia di vedere. i libri che mi aveva chiesto, e che le avevo prestato, non mi sono mai tornati indietro. stronza. morale: mai prestare libri.

due ex militari 75enni si rivedono dopo più di 40 anni silenzio. l’amicizia che li legava da ragazzi sembrava destinata ad accompagnarli eternamente. qui si fa il punto della situazioni, si vuole tirar le fila degli ultimi giorni passati insieme. è un monologo che spiega racconta chiede e trova risposte anche senza che l’interlocutore dica poco più di niente. il tutto dura una notte, una cena e un dopocena che si prolunga fino all’alba in un antico salotto, davanti al fuoco che alla fine diventa solo braci. intenso e avvincente fino all’ultima riga.  un’epoca con convenzioni e consuetudini lontanissime da noi, anche le storie d’amore devono rispettare codici. vienna, budapest e l’impero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...