altre stelle uruguayane di stefano marelli

stefano_marelli.jpg_415368877passare un mese a cercare qualcosa da leggere, perdere un mese senza     (r555555554vgfffffffffffffffffff = è passato jonsie sulla tastiera per la prima volta, quindi la prova resta qua) aver niente in cui perdersi perché si ha la testa occupata da altre immagini e altri suoni, in un momento in cui ritrovo quello che scrivevo in costa rica quasi 10 anni fa. poi cercando ispirazione nel kindle apro quello che d’orrico aveva consigliato mesi fa (se non volete togliervi troppo la sorpresa non leggete la sua recensione! leggetela dopo, a cose fatte). bum. colpo di fulmine. ripresa la corsa. altre stelle uruguayane è da leggere! sauro sbarca il lunario fra birre e foreste ecuadoreñe, ne amplifica una voce che spaventa e chiede rispetto. anni ’90, bevendo birre incontra il brujo: personaggio che vive nei locali dismessi di una riserva/zoo nel mezzo della foresta con un boa costrictor femmina che ha la sua gabbia/cuccia nella stessa casetta che occupa anche lui. il brujo racconta la sua vita, piena di lusso e miseria, successi e disastrosi fallimenti, imbrogli e bugie. attraversa oceani, il ventennio fascista, ride con il duce e resta con le pezze al culo più di una volta. aspetta che l’aereo del torino si schianti a superga per partire di nuovo. è una lettura divertentissima e troppo breve. è anche un libro di calcio, ed è il secondo che mi leggo quest’anno con sommo -inaspettato- godimento, dopo atletico minaccia football club di marco masullo. sauro corre senza fretta sul binario parallelo al brujo, con donne che sembrano uscite da un film di fellini e la storia sociale italiana e sudamericana a dar contrasto alla storia di uno solo. il racconto del brujo adolescente è favoloso: tango, bordelli e merda di maiale.

se ci fosse un ideale fantacalcio degli autori io stefano marelli lo metterei in attacco con gaetano cappelli e paul aster e in porta, ovvio philip roth.   

Annunci

3 thoughts on “altre stelle uruguayane di stefano marelli

  1. Pingback: top ten 2013 | dida

  2. Pingback: dida’s awards 2013 | dida

  3. Pingback: non si vive di solo pallone. anche se… | dida

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...