elizabeth è scomparsa di emma healey

amidon-kPaD-U7W15cKQc6BMP3E-568x320@LaStampa.it

voci lo chiamano il caso letterario dell’estate. e io, puntuale come una svizzera, ai primi caldi, il bidone me lo vado sempre a cercare. sante biblioteche sante, che evitano che io continui a scrivere richieste di rimborsi alla mondadori. l’anno scorso la verità sul caso harry quebert, ricorderete di certo il can can per tutta l’estate che neanche al moulin rouge.
la miglior furbata di elizabeth è scomparsa è la biografia di emma healey nell’aletta: quella me l’ha fatto portare a casa. londinesità, maioliche vecchie ed improbabili e i vasi di pesche sciroppate mi conquistano sempre. due piani: maud ormai ultraottantenne affetta tristemente da demenza senile o peggio, vive tra biglietti in tasca che le ricordano dov’è cosa deve fare e dove deve andare o non andare e, volti familiari che non riconosce. sempre alla ricerca della sua amica elizabeth, grande collezionista di improbabili maioliche. l’altro piano, parallelo, è la sua giovinezza che ricorda al millimetro. punto focale della vita di maud è la scomparsa della sorella sukey nel 1946, dopoguerra di tessere annonarie e ricostruzione. la sparizione di elizabeth e la morte di sukey si intersecheranno e sarete finalmente arrivati alla fine del libro.

troppe pagine, noiose, le ultime neanche lette, solo guardate, chi legge come leggo io sa che cosa intendo. scritto troppo semplicemente con un finale minimamente misterioso e -peccato gravissimo- a parte qualche tazza di te e qualche nasturzio, non ha abbastanza del british snob e cattivo che mi fa innamorare delle pagine. copertina invece promossa.

se volete librone marittimo da ombrellone andate verso il cardellino 

god save the queen.

Annunci

4 thoughts on “elizabeth è scomparsa di emma healey

  1. io sto leggendo -guardami- di J.Egan, altro tuo consiglio letterario urka’ !! questo lo salto, e’ sempre un piacere leggere le tue recensioni.

  2. Ammetto che la parte centrale è un po’ lenta, ma a me invece è piaciuto un sacco. Il personaggio di Maud è indimenticabile. Sarà che mi ci affezione perché sono anch’io un po’ rinco?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...