LIBERTAD! -l’amore e l’impegno, l’arte e la politica, i drammi e la leggerezza nella parigi degli anni trenta- di dan franck

libertadsono monotematica. lo so. abbiate pazienza.

libro bellissimo. no romanzo. no storielle. tante fonti dichiarate che son subito diventate stimoli. il fermento e l’impegno in/per la guerra civile spagnola è forza centripeta delle pagine. la vita a parigi nonostante tutto. 350 pagine di vite vere che conquistano più di qualsiasi altro romanzo. non faccio i conti con hemingway (“il giorno era così bello, che sembrava ridicolo che qualcuno potesse morire”) neanche qui, la resa è solo rimandata. ritrovo capa e piango con lui per gerda taro, saluto cartier-bresson, abbraccio picasso e di più dora. dalì e gala mi coinvolgono ma non posso fare a meno di aver in mente il trittico a espansione matrimoniale fra lei, paul éluard e max ernst, accumulando però più tenerezza per il primo. sia messo agli atti che è possibile -ed è una sensazione straordinariamente surrealista- provare tenerezza per un surrealista. frivola gala, me l’immagino pazza come un cavallo ma in grado di tener le redini di dalì. bunuel segue a tiro la carovana e parte per gli states. ancora a parigi con solo vaghe percezioni della guerra in spagna anais nin e henry miller. i miti son tutti lì: vicini e non lo sanno. e non sanno cosa li attende, purtroppo.

poi incontro clara malraux, e mi sa che diventeremo grandi amiche.

“è piacevole essere intelligenti. si piace agli uomini intelligenti”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...