i come parigi

symbol-square-number-math-mathematics-letter-i-i-square-imaginary_tla i di parigi è una e una sola: irène némirovsky. tanto le è dovuto. se non la conoscete dovete incontrarla e partecipare al sofferto e alla sofferenza. grandissima scrittrice, immensa. deportata nel 1942 ad auschwitz e mai più tornata. leggete tutto, perché tutto merita. pare che le figlie abbiano trovato il suo capolavoro, suite francese, in una valigia lasciata in cantina ed aperta solo perché si era bagnata a causa di una lavatrice guasta. ha avuto una madre pessima e non deve esser stata un capolavoro di madre nemmeno lei. la sua scrittura è potentissima e senza tempo. le sue parole sono affilate come bisturi, l’intensità dei sentimenti che trasmette lascia straniti e paralizzati. storie di umanità, di quotidiano atroce vivere, che anticipano i romanzi di philip roth e sono senza tempo in un respiro di eternità che ha i piedi radicati, cementati per terra.

dado-peintre-irene11 febbraio 1903 – 17 agosto 1942

parigi ha avuto anche lei nelle mie passeggiate, quando guardavo per aria, con gli occhi ai secondi piani, perché sennò si vedeva che piangevo, riuscivo a rubare qualche soffitto e qualche lampadario.

leggetela, glielo dobbiamo tutte.

A B C D E F G H

Annunci

One thought on “i come parigi

  1. Pingback: i come parigi (bis) | dida

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...