SOTTOMISSIONE di michel houellebecq

SottomissioneCopertina

alla fine houellebecq è tornato. quello di piattaforma, quello delle particelle elementari (libro che ho infinitamente amato). lo aspettavo dopo la carta e il territorio, non piaciuto, preso come un tradimento. quell’autore che dovrebbe essere detestato da tutto il genere femminile ma che non posso fare a meno di cercare, leggere e decantare. non posso neanche fare a meno di esser convinta che il personaggio maschile dei suoi romanzi sia sempre lui. mi sembra quasi che debba scontare il suo riconoscersi in quegli uomini viscidi, -teoricamente- inavvicinabili, descrivendosi e offrendosi, facendosi scoprire per non avere l’ansia del momento in cui sarebbe comunque scoperto, facendosi leggere: “ecco sono io”.

trama: in una francia che elegge il primo presidente di un partito islamico la società cambia in modo evidente da subito. un professore solo, solitario, estremamente colto e acuto scende a patti.

uscito una settimana dopo i fatti di parigi dello scorso gennaio, houllebecq più che visionario è una novella cassandra. il libro è scritto meravigliosamente e il futuro della francia (ma anche il nostro) che racconta, non mi pare così tanto inventato. il suo alter ego, un prof universitario, prima scende a patti per poi accettare una conveniente, ponderata sottomissione che gli eviterà una solitudine data per scontata per 200 pagine. come gli altri maschi dei suoi romanzi françois, studioso di huysmans, non si dà a niente e nessuno nella sua interezza, anzi si concede in misura minima ed indispensabile per la sola stentata sopravvivenza di qualsiasi tipo di rapporto. trainato da voracità sessuali e gastronomiche -che lo lasciano comunque sempre indifferente e insoddisfatto- si costringerà a cedere (fingendo titubanze) alle lusinghe intellettuali e pecuniarie del nuovo regime che gli garantirà un declino (parola clou, con decadenza, di tutta la produzione letteraria di houllebecq) meno atroce.

ci son pagine che non son riuscita a capire in toto: huysmans, scarron, nietzsche … quelle ignorance!

Annunci

One thought on “SOTTOMISSIONE di michel houellebecq

  1. Eh, Dida, i figli di troika ci agitano davanti agli occhi lo straccio integralista per distrarci dal vero Islàm – sottomissione – che ci minaccia; quello alla loro mamma… il che mi fa pensare al nostro amico Varoufakis, e a quel che mi ha detto un’amica: “Quel ga una chimica che la passa anca in fotografia… nel leto el ga de eser una bestia…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...