puttane e pompieri #parisjetaime

26 dicembre. alle nove stamattina alle teuleries c’eravamo noi,  due giapponesi tamarri  (uno con la permanente) e una ventina di pompiers a far running in divisa adeguata. tutti sotto i 35 anni, tutti manzissimi, tutti che ti danno certezza di esser salvata in caso di incendio in un freddo sottotetto parigino, a braccia, giù dalla scala stringendoti quella gelida manina. [c’era tantissima gente a correre… sfido chiunque a non aver voglia di muoversi lì, prima delle 9 con il sole che sta per spalmarsi su place de la concorde vuota, il d’orsay che si impone sulla destra e le sedie tutte vuote dei giardini].

image

all’orangerie ancora deserta e silenziosa. preferisco manet a monet ma star sola in mezzo alle ninfee ha un certo innegabile, fascinoso senso di perdita. mi son lasciata abbagliare dalla luce di renoir che mi stupisce e sorprende da anni, sempre, da quando l’ho visto per la prima volta dal vivo a palazzo reale a milano, millemila anni fa.

image

image

al d’orsay putiferio infinito di annoiati, di visite rapide, inutili e fastidiose. rifugio al caffè sotto l’orologio al 5^ piano: coccolate dai camerieri e torta alla carota speciale. i caffè e i ristoranti dei musei meriterebbero un blog a parte, questo ha charme da vendere e ti senti sul red carpet con tutti che fotografano l’orologio con te dentro l’inquadratura, serve una passata di rossetto per l’esportazione in giappone.

image

al d’orsay “splendore e miseria. immagini della prostituzione, 1850-1910”, (al di là di ogni considerazione morale) senza cocotte, demi-mondaine e grand horizontal metà dei musei di parigi sarebbero vuoti e decisamente meno pieni di storie e intrighi. alcune sale, con foto e filmati giustamente vietate ai minori, riuniscono in un’attenta singolare platea signore agé elegantissime e -quelli che sembrano- gentlemen british style a vedere un porno. d’epoca sì, ma sempre porno.

la fortune vient en dormant… mais pas seule

caroline otero dit la belle otero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...