rituali quotidiani di mason currey

rituali quotidianidi una noia mortale, mal organizzato, senza capo né coda. ritratti della vita quotidiana di un’infinità di personaggi ma senza un minimo di verve e personalizzazione dell’autore. è una bella caccia alle frasi di altrettanti bei libri o biografie su questa serie infinita di personaggi catalogate e impaginate. alcuni “ritratti” son di poche righe, per altri ci son quattro paginette. se lo trattate come un libro di ricette e vi prendete un personaggio alla volta andrà bene, leggerlo come l’ho letto io è fastidioso. per marina abramovic si riferisce solo all’installazione che ha fatto al MoMa di NY di 11 settimane the artist is present del 2010, georgia o’keeffe la mattina andava ad ammazzare i serpenti a sonagli che infestavano la sua tenuta, victor hugo aveva un’amante di nome juliette, descartes era un dormiglione. monsieur proust l’ho saltato con un doppio carpiato perché me l’ha incastrato in tre pagine, tre pagine per tutte le sue psicosi e le sue paranoie, non stanno neanche cremandole.

scaraffia rimane imbattibile per questo genere di libri.  state lontani da currey e portatevi in spiaggia il demone della frivolezza e i piaceri dei grandi  per una seduzione (della prof di matematica dell’ombrellone accanto che avrebbe voluto fare filosofia o dell’avvocato annoiato preoccupato per la pancetta con moglie isterica) assicurata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...